Array
(
    [3] => Array
        (
            [parent] => Responsabilità degli enti (D.Lgs. 231/01)
        )

)
Responsabilità degli enti (D.Lgs. 231/01)
19/05/2020

Responsabilità 231 applicabile anche alle società estere

Cassazione Civile, Sez. VI, 11 febbraio 2020, n. 11626 - Pres. Calvanese, Rel. Bassi

La persona giuridica è chiamata a rispondere dell’illecito amministrativo derivante da un reato-presupposto per il quale sussista la giurisdizione nazionale commesso dai propri legali rappresentanti o soggetti sottoposti all’altrui direzione o vigilanza, in quanto l’ente è soggetto all’obbligo di osservare la legge italiana e, in particolare, quella penale, a prescindere dalla sua nazionalità o dal luogo ove esso abbia la propria sede legale ed indipendentemente dall’esistenza o meno nel Paese di appartenenza di norme che disciplino in modo analogo la medesima materia anche con riguardo alla predisposizione e all’efficace attuazione di modelli di organizzazione e di gestione atti ad impedire la commissione di reati fonte di responsabilità amministrativa dell’ente stesso.

 

Comments

giurisprudenza/responsabilita-degli-enti-dlgs-23101/responsabilita-231-applicabile-anche-alle-societa-estere

VDS. ORD. GIP MILANO DR. SALVINI 27.4.2004

Al riguardo sia consentito richiamare l'oramai notissima ordinanza emessa dal Dott. Guido Salvini, allora Gip a Milano, nel procedimento a carico di una famosa multinazionale, secondo cui, a proposito dell'applicabilità della 231 nei confronti di società estere così si era espresso:-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- "Un paragone quasi banale ma assai esplicativo può far riferimento alle norme in tema di circolazione stradale. E’ possibile in via di ipotesi, che le norme tedesche o quelle di qualsiasi altro Paese non prevedano che le autovetture immatricolate e circolanti in tale paese abbiano l’obbligo di essere munite di cinture di sicurezza, ma ciò ovviamente non toglie che tali autovetture , per accedere alle strade italiane, abbiano l’obbligo di munirsi di tali dispositivi. Vale, sotto il profilo antinfortunistico e con riferimento a qualsiasi norma che abbia una funzione preventiva suscettibile, se non adottata, di conseguenze in termini di responsabilità, la regola della lex loci"------------------------------------------------------------------------------------------------- Donato Giovenzana - Legale d'impresa----------------------------------------------------------------

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.